Category:
GANODERMA-AGLIO-GERMANIO
27 Marzo 2018 11:02 am     A+ | a-

E QUI SIAMO AL TOP! TRIO D'ECCEZIONE PER UNA VERA BOMBA ANTINFIAMMATORIA-DIMAGRANTE-ANTITUMORALE-DETOX: GANODERMA-AGLIO-GERMANIO!
i tre prodotti di cui sto per illustrarvi le svariate azioni terapeutiche sono davvero tre rimedi eccezionali che, soprattutto se abbinati tra loro, creano un'incredibile sinergia esplicando vere azioni farmacologiche degne dei farmaci, dei quali, in molti casi, sono validi sostituti, mentre in altri, si rivelano ottimi rimedi da inserire nelle terapie integrate alle convenzionali.
i tre prodotti hanno tutti qlcs in comune e cioe' il sale minerale o ancora definito oligoelemento germanio organico 132, presente come singolo integratore ma contenuto sia nel ganoderma che nell'aglio.
nel GANODERMA LUCIDUM-REISHI ci sono:
- oltre 150 antiossidanti e 140 triterpeni
- 5 volte piu' magnesio dei broccoli
- 2 volte il contenuto di ferro degli spinaci
- 3 volte il contenuto di #antiossidanti del mirtillo
- 8 volte il contenuto di omega-3 del pesce!
- 5 volte il contenuto di calcio del latte
- 7 volte il contenuto di vitC presente nelle arance!!
il #ganoderma e':
- antiossidante
- antitumorale
- antivirale
- antibatterico
- antinfiammatorio
- ipotensivo
- antistaminico
- ipoglicemizzante
- riequilibra la flora intesinale (prebiotico)
- sedativo
- anticolesterolemico
- immunomodulante
il ganoderma lucidum - #reishi e' davvero tra i funghi terapeutici uno dei piu' interessanti.
contiene: ferro, zinco, rame, manganese, potassio, calcio, vitaminaB, 17 aminoacidi (su un totale di poco piu' di una ventina) tra i quali tutti quelli essenziali che cioe' non venendo sintetizzati dal corpo devono essere introdotti con l'alimentazione!
vi troviamo betaglucani, triterpeni, lignani, purini, flavonoidi e vari polifenoli, tutte sostanze che esplicano le svariate azioni sia antiossidanti che antinfiammatorie che antitumorali.
il ganoderma e' tra i rimedi antitumorali naturali piu' inserito sia nei protocolli integrati (cure convenzionali+naturali) che sostitutivi grazie al suo duplice potere apoptotico che si manifesta sia sulle cellule proliferanti del tumore (dove agiscono i chemioterapici) che su quelle quiescenti (dove NON agiscono con efficacia i chemioterapici). secondo uno studio scientifico pubblicato sulla rivista scientifica "Oncotarget" (non topolino o paperinik) sarebbe principalmente la presenza di due composti naturali (il perossido di ergosterolo,sterolo, e il ganoderma-diolo, triterpene) a permettere al ganoderma di essere efficace su entrambi i tipi di cellule, effetto dovuto, in parte, ad un aumento della proteina pro-proliferativa E2F.
pensate che le sostanze del ganoderma sono capaci di modificare tutti gli otto stadi della carcinogenesi arrivando a bloccarli. la sua citotossicita' influisce sul metabolismo e sulla divisione della cellula tumorale.
la sua alta disponibilita' di acetil-CoA favorisce l'attivazione del ciclo di krebs (produzione energetica) migliorando l'ossigenazione cellulare e l'attivita'carico dei mitocondri, responsabili questi ultimi dei processi di trasformazione dei macroalimenti (specialmente grassi durante il metabolismo energetico aerobico ma anche zuccheri e proteine) in composti energetici.
Il Ganoderma e' efficace contro la candida e la sua
la doppia azione antibatterica gli permette di attacare direttamente i batteri (sia GRAM-positivi che GRAM-negativi) eliminandoli come fanno gli antibiotici e indirettamente aumentando le cellule immunitarie ad azione antibatterica.
l'azione antivirale del ganoderma e' talmente incisiva che viene utilizzato su ogni epatite, virale o meno, dalla A, alla B, alla C e addirittura per curare HIV e conseguente AIDS. 6 gr al giorno di polvere di germanio somministrati per tre mesi, riducono sensibilmente le transaminasi in chi ne ha alti valori.
l'azione antinfiammatoria del ganoderma e' davvero apprezzabile: pensate che 50 mg di ganoderma in polvere esplicano la stessa azione di 5 mg di idrocortisone.
abbinato a dosi consistenti di vitaminaC (5 e piu' gr) innalza la produzione di linfociti T-helper.
il ganoderma viene utilizzato non solo nei soggetti diabetici ma anche negli obesi grazie alla sua azione dimagrante a carico del tessuto adiposo.
risulta infine essere in grado di stimolare la produzione di testosterone, ormone antiAGE dalle svariate potenzialita' terapeutiche, tra le quali anche quella dimagrante. il testosterone evita, durante i digiuni o le malattie che il metabolismo possa cannibalizzare il corpo, distruggendo il tessuto muscolare (catabolismo), viceversa favorisce l'utilizzo del grasso (sia alimentare che di deposito) a scopo energetico. il testosterone potenzia il sistema immunitario, rinforza muscoli e ossa (viene prescritto nei ritardi di crescita e per trattare l'osteoporosi) ed e' l'ormone ad azione afrodisiaca per eccellenza specialmente nell'uomo (ma non solo, poiche' anche nelle donne il testosterone, prodotto a livelli nettamente inferiori che nell'uomo, puo' stimolare la libido).
tra i componenti del ganoderma, spicca per azioni terapeutiche il #germanio organico, minerale del quale il fungo ha in natura la massima concentrazione...lo analizzeremo tra poco. dopo i funghi, sono le alliaceae a contenere piu' germanio organico nel regno vegetale e, nello specifico, ne e' molto ricco l'aglio che e' appunto il secondo rimedio dei tre che stiamo analizzando.
AGLIO
penso sia superfluo rimarcare il concetto che l'aglio sia tra i piu' potenti farmaci naturali ad azione antitumorale ma non solo, in quanto l'aglio e':
- antipertensivo
- antibatterico
- antibiotico
- prebiotico
- antinfiammatorio
- antivirale
- ipoglicemizzante
- anticolesterolemico
- vasodilatatore
- detossificante
- immunostimolante
- afrodisiaco.
l'#aglio contiene oltre 200 composti solforati sia idrosolubili che liposolubili (che si veicolano cioe' sia nel grasso che nell'acqua penetrando e arrivando in ogni tessuto e organo del corpo umano) dalla potentissima azione antitumorale. lo zolfo, infatti, attiva i processi mitocondriali e migliora il ciclo di krebs (idem al ganoderma, ricordate?) anche nei mitocondri danneggiati dal tumore. lo zolfo ha una particolarita' assai apprezzata in ambito oncologico: nei tumori vi sono mitocondri silenti, definiti tali perche' non utilizzati nell'altro tipo di respirazione ovvero quella anaerobica lattacida (preferita appunto dalle cellule tumorali). lo zolfo ha la capacita' di riattivare questi mitocondri danneggiati, o di propendere per la loro apoptosia, dato che le cellule tumorali hanno perso i recettori di comunicazione ed in mancanza di questi, con respirazione normale vanno incontro al suicidio. lo zolfo esplica inoltre azioni antinfiammatorie e depurative.
tra i composti solforati liposolubili vi e' il dialil-solfuro a specifica azione inibente nei confronti dello sviluppo del tumore, mentre nei composti solforati idrosolubili vi e' la Sac (s-allil-cisteina) anch'essa capace di inibire lo sviluppo del tumore e la degenerazione cellulare.
nell'aglio spicca per concentrazione l'#alliina, altro composto solforato antiossidante e antitumorale, azioni in parte condivise con l'#allicina, antiossidante, antimicotica e antibatterica.
l'azione antibiotica dell'aglio e' efficace sia sui batteri GRAM-positivi che su quelli GRAM-negativi (AZIONE SINERGICA ALLA STESSA ESPLICATA DAL GANODERMA) garantendone un vastro spettro d'azione.
tra le sostanze antiossidanti-antitumorali dell''aglio non vi sono solo gli oltre 200 composti solforati ma anche altri flavonoidi tra i piu' utilizzati in ambito oncologico. vediamone brevemente alcuni:
- l'#apigenina e'antiangiogenetica, previene la formazione di nuovi vasi sanguigni creati dalle cellule tumorali per il loro nutrimento. l'APIGENINA impedisce alle cellule tumorali di nutrirsi con effetti simili al farmaco AVASTIN ed esplica anche azione antimetastatica. e' in grado di bloccare le cellule cancerose del pancreas, di ridurre i tumori al seno stimolati dalla progestina e viene utilizzata nei trattamenti del cancro alle ovaie, ai polmoni e alla prostata. l'apigenina e' apoptotica, inibisce la liberazione di prostaglandine, nitrito e acido arachidonico, lipossigenasi (riducendo la perossidazione lipidica). l''apigenina e' antinfiammatoria, antiossidante, antigenotossica, anticancerosa. viene utilizzata nei protocolli integrati per 24 ore prima delle 36 con chemioterapici (GEMCITABINA).
#quercetina. qui dovrei aprire un capitolo a parte e percio' vi rimando agli articoli specifici (cliccate direttamente sul nome per entrare nei post attinenti) limitandomi a sottolineare che la quercetina e' tra gli antinfiammatori antitumorali natirali piu' efficaci. inibisce sia la sintesi che l'attivita' della COX-2 e di altri fattori infiammatori esplicando azioni paragonabili a quelle dell'ASPIRINA e dell'IBUPROFENE. tale azione e' di per se' a duplice effetto terapeutico poiche' rivela d'essere anche antitumorale. la ciclossigenasi (COX-2) e' direttamente correlata ai processi di neoangiogenesi delle cellule tumorali..ma la quercetina fa di piu' contrastando ogni fase della genesi e dello sviluppo del tumore. esplica infine una potente azione antivirale efficace nel trattare epatiti virali e HIV (ALTRA AZIONE SINERGICA AL GANODERMA). la quercetina e' anticolesterolemica e ipoglicemizzante (AZIONE SINERGICA A QUELLA DEL GANODERMA e di altre sostanze dell'aglio). la quercetina e' antiAGE e dimagrante; attiva la sintesi e l'attivita' delle sirtuine, geni della longevita' che trasformano il grasso di deposito in grasso itilizzato a scopo energetico (AZIONE SINERGICA AL GANODERMA che come visto attiva questo processo tramite la produzione di testosterone). la quercetina esplica azioni di stimolo sulla sintesi del glutatione e in parte ne mima direttamente gli effetti.
#lignani, anch'esse sostanze ad azione anti-cancro.
- glutatione, il re degli antiossidanti (stimolato anche nella sintesi endogena dalla summenzionata quercetina).
- kaempferolo, altro flavonoide antiossidante, pro-sirtuine, antinfiammatorio-antitumorale che condivide molte azioni con la succitata quercetina.
- germanio organico
GERMANIO ORGANICO:
il germanio organico contenuto nel ganoderma e nell'aglio (sono gli alimenti piu' ricchi in germanio organico ma buone tracce le ritroviamo anche nel ginseng, nell'aloe, nella clorella, nell'orzo e nell'equiseto) e' definito organico e non va confuso col tossico germanio inorganico presente nei metalli.
le sue azioni terapeutiche sono davvero notevoli tant'e' che si e' ben pensato di crearne un integratore e quello specifico che vedete in foto, preparato in forma liquida, e' tra i piu' biodisponibili in assoluto!
il #germanio stimola l'immunita' innata tramite:
- una maggiore produzione di cellule NK (Natural Killer),
- l'aumento del numero e il potenziamento dell'attivita' dei macrofagi,
- l'aumentata produzione di linfocitiT (citotossici),
- l'aumentata produzione di interleuchine,
- l'aumento della sintesi dell'#interferone gamma, l'antivirale per eccellenza implicato anche in molti processi antitumorali.
il germanio organico abbassa la glicemia, il colesterolo cattivo e i trigliceridi.
tra le sue azioni antitumorali vi e' quella inibente la gonadotropina corionica e l'impedire l'attacco delle cellule tumorali a quelle sane.
il germanio e' un potente detox ed elimina metalli pesanti e sostanze tossiche (cadmio, piombo, mercurio); efficace e' anche la sua protezione contro le radiazioni.
agisce come semiconduttore del processo di trasporto degli elettroni e dell'ossigeno all'interno della cellula.
il germanio e' utilizzato per trattare l'artrite reumatoide.
AVVERTENZE:
dato che tutti e' tre i rimedi esplicano azione antiaggregante e anticoagulante e' bene avvisare il medico se si e' in trattamento con farmaci dalle simili azioni. 
la posologia del protocollo preventivo coi tre rimedi prevede l'assunzione di uno stick di germanio, 2 capsule gelatinose di aglio prima dei pasti, 1 capsula di ganoderma, al giorno.
chi volesse abbinarle alla terapia convenzionale in caso di trattamento oncologico e' bene che informi il proprio oncologo onde evitare che possa verificarsi un'azione di contrasto a quella chemioterapica durante i giorni del trattamento convenzionale. solitamente gli antiossidanti-antitumorali naturali non vanno assunti il giorno stesso della chemio proprio per non vanificarne i processi di ossidazione a carico delle cellule malate.
consiglio a chi volesse integrare la terapia oncologica coi rimedi citati di contattare oncologi esperti in terapie integrate se il proprio oncologo non ha le competenze necessarie o e' sfavorevole.
i prodotti che vedete in foto li potete acquistare e ordinare alla farmacia Paitone di Brescia n.tel. 030-691796 o contattando direttamente il doc Alberto Zampedri qui su fb (ripeto, cliccate sul nome taggato, cioe' sul nome in neretto o in azzurro ed entrerete direttamente nel suo profilo qui su fb).

Nessun commento
Lascia un commento
Nome
* Email (non sara' pubblicata)
*
Simple catpcha image *Entra codice di verificazione
* - Campi richiesti
 
VECCHI POST HOME NUOVI POST